February 22, 2014
January 21, 2014
December 21, 2013
December 4, 2013
November 28, 2013
November 21, 2013
November 18, 2013
November 13, 2013
November 12, 2013
October 10, 2013
July 25, 2013
Nella norma, però, si è cambiato anche molto altro; se prima bastava la mera promessa di voti da parte dell’organizzazione mafiosa perché il candidato fosse punibile, ora è necessario provare il procacciamento, cioè un’attività concreta di ricerca e raccolta voti per quel determinato candidato da parte dell’organizzazione criminale, utilizzando la sopraffazione tipica delle organizzazioni mafiose. E questo punto della norma è quello che preoccupa di più. Le mafie sono avanguardia economica e hanno meccanismi d’operatività ben più complessi che la semplice intimidazione. Il procacciamento di voti, del resto, è molto difficile da individuare, perché implica la necessità di cogliere il boss e i suoi affiliati mentre fanno “campagna elettorale” per il politico in questione, convincendo - con i loro mezzi tipici - i cittadini a vendere il loro voto. I loro mezzi tipici in campagna elettorale raramente sono violenti: sono piuttosto promesse di lavoro, di favori, appelli a rapporti familiari, insomma le dinamiche utilizzate anche dai partiti. La riforma della norma invece fa riferimento al “metodo mafioso” con cui procacciarsi voti.

Una riforma che solleva molti dubbi e potrebbe pure salvare Cosentino - Repubblica.it

Roberto Saviano sul nuovo disegno di legge sul voto di scambio.
(non sbuffate; Saviano quando parla di quello che conosce meglio - la criminalità organizzata - è molto migliore di Saviano quando parla di se stesso o di una materia a caso dal tabellone del Trivial Pursuit)

(via nipresa)

E’ un errore, un terribile errore: una O al posto di una E congiunzione nel testo dell’articolo 20 comma 5 bis lettera ed ecco che il tanto sbandierato sconto del 30% non spetterà solo per le sanzioni stradali pagate cash o entro 5 giorni, ma anche tutti quelli che non hanno subito tagli di punti nel biennio. In sostanza almeno il 95 –96% del patentati, pari a 34 milioni di titolari di licenza di guida, potrà pagare le sanzioni con lo sconto del 30% non solo se pagherà entro 5 giorni, ma anche entro 60 giorni se il corredo punti della patente è intonso […] considerando che per un normale divieto di sosta la multa è di 41 euro e che con lo sconto si arriva a 29 euro, così si entra in concorrenza con il pedaggio orario di molti garage, senza dimenticare che è quasi impossibile prendere una multa al giorno e che così non si anticipa nulla e si paga a 60 giorni. Risultato: sosta selvaggia perché si moltiplicheranno le vetture in divieto di sosta, con conseguenze di rischio più elevato anche per i pedoni e i ciclisti (visuale).

Multe scontate del 30%, caos in arrivo - Repubblica.it

È la casa delle libertà, “facciamo un po’ come cazzo ci pare!”

(via nipresa)

(via nipresa)

July 24, 2013
Un(altro)inutiletumblr su BlogBabel